Virbac Italia

Patologie

Risultato 5 (1 Voti)

Come ci si prende cura della cute e del pelo del gatto?

È davvero importante prestare attenzione al pelo del nostro gatto?

Un gatto sano e vitale presenta un pelo bello lucido e morbido al tatto e la cute risulta particolarmente liscia e rosea.

È risaputo che il gatto ha la peculiarità di passare gran parte del proprio tempo, in media il 10% delle sue ore di veglia, a pulirsi in modo molto scrupoloso ed attento. In un primo momento si lecca tutto il mantello, procede poi a rimuovere grovigli o elementi estranei (anche mordicchiandosi), per poi passare al muso e alla testa mediante l’ausilio delle zampe anteriori.

Nonostante ciò, però, l’animale, da solo, non è in grado di rimuovere del tutto lo sporco e sciogliere completamente i propri nodi.

Quali sono i segnali di allarme che ci aiutano e riconoscere una cattiva salute partendo dal pelo del gatto?

Uno dei primissimi indicatori di malattia nel gatto è proprio il fatto che si prenda meno cura di se stesso e della propria igiene personale, pulendosi più raramente e per meno tempo. Proprio per la sua indole che lo porta ad essere sempre pulito e in ordine, il fatto che il suo pelo si presenti arruffato, spento e ruvido al tatto, possono essere sintomi di possibili problemi di salute.

Anche la comparsa di croste, arrossamenti o irritazioni sulla cute del proprio gatto, odori insoliti o altri cambiamenti, indicano che qualcosa non va ed è fortemente consigliato consultare un veterinario per una diagnosi più accurata.

Come posso aiutare il mio gatto ad avere un pelo sempre curato e sano?

È indispensabile aiutare il proprio animale nella sua pulizia spazzolandolo regolarmente e controllando sempre bene la cute, gli occhi, le orecchie i denti e le unghie. La toelettatura del gatto è molto importante anche per aiutarlo a ridurre la quantità di pelo che può ingerire: mediamente esso rappresenta i due terzi del pelo perso.

La pratica della toelettatura aiuta anche a creare un rapporto di fiducia e complicità con il proprio animale, portandolo ad accettare le vostre cure e la sua dipendenza da voi. È dunque molto importante abituarlo, fin da piccolo, a questa pratica che lo aiuta a mantenersi in ordine e vi permette di tenerlo sempre ben monitorato.

                                                                                     Virbac-gatto-cura-del-pelo.jpg

 

È possibile e consigliabile lavare il proprio gatto?

Proprio per il fatto che il gatto, da solo, non riesca a rimuovere completamente lo sporco o a sciogliere tutti i nodi, dovrebbe essere lavato regolarmente. Anche i gatti che vivono in appartamento e che non escono mai dall’abitazione possono essere sporchi, per questo, una pulizia regolare, è sempre indicata.

Non tutti i gatti reagiscono nello stesso modo al momento del bagno, perciò è utile abituarlo fin dai primi anni di vita.

Per lavarlo al meglio, si consiglia di bagnarlo avvolto in un asciugamano di spugna. Applicare il prodotto consigliato dal proprio veterinario e lasciarlo agire per almeno 5 minuti. Quindi, sciacquare dolcemente l’animale con acqua tiepida.

Vota per questo contenuto: 5 4 3 2 1

Farmaci correlati

Supporto nutrizionale, problemi dermatologici per cane e gatto - Megaderm

Per saperne di più

Shampoo per cane e gatti, cute sensibile e prurito - Allermyl

Per saperne di più

Emulsione per cani e gatti - Allerderm Spot-on

Per saperne di più

Coadiuvante nel trattamento delle infezioni cutanee del cane e del gatto - Pyoderm

Per saperne di più

shampoo per cane e gatti - cute sensibile e secca Allercalm

Per saperne di più

Shampoo per cane e gatto per cute grassa, con scaglie e cattivo odore - Sebolytic

Per saperne di più